Gli alunni del Liceo classico di Teano, faranno il loro percorso formativo di Alternanza Scuola – Lavoro tra i libri e le memorie della Società di Storia Patria di terra di Lavoro a Caserta. Accompagnati dal prof. Guglielmo De Maria, docente tutor per l’alternanza nella classe 3^A classico, e grazie all’esperta guida del prof. Giuseppe De Nitto   Bibliotecario di chiara fama (è stato bibliotecario presso la Reggia di Caserta), gli alunni del liceo classico sidicino impareranno il mestiere di bibliotecario e ad amare libri e gazzette. Il 25 novembre scorso, infatti, è stata firmata la convenzione tra il preside del Foscolo di Teano, prof. Paolo Mesolella  e l’avvocato Alberto Zaza d’Aulisio,  Presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro con sede a Caserta in via Passionisti 7. 

La convenzione, siglata ai sensi dell’art. 1 della legge. 107/2015 sull’Alternanza Scuola Lavoro, rappresenta un’opportunità per i giovani per avvicinarsi al mondo del lavoro. Grazie all’accordo, la Società di Storia Patria casertana, si è impegnata ad accogliere per tre anni, da quest’anno fino  al 2020, a titolo gratuito, presso le proprie strutture, i ragazzi della classe 3^ del Liceo classico sidicino. Si ricorderà a proposito che con Atto del Soprintendente Archivistico e Bibliografico della Campania, in data 18 marzo 2017  il patrimonio librario e documentario della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, ai sensi del D.Lgs 42/2004 (Codice Beni Culturali), è stato dichiarato “di importante Interesse Culturale”. La Società di Storia Patria casertana vive da 65 anni, venti dei quali nel complesso architettonico del Passionisti e nella cappella degli schiavi. "Gli alunni del classico – spiega il preside Mesolella – avranno un formatore d’eccezione nella persona del Bibliotecario della Società Patria, Giuseppe de Nitto, già bibliotecario alla Reggia di Caserta, sulla quale ha scritto interessanti libri come “Biblioteca Palatina del Palazzo Reale di Caserta”, “Caserta e la sua Diocesi”, La vita di Luigi Vanvitelli” e “La Reggia di Caserta” in edizione italiana, inglese e francese.

 

 

Vai all'inizio della pagina